Benvenuto sul sito web di

Marco

Esposito

raccolta fondi

Per raggiungere questo ambizioso obiettivo ho bisogno del tuo aiuto

IBAN: IT75F3608105138290789690800

L’arte pittorica – così come l’arte del fare Politica – dimostra che, per esprimere concetti e colori che dilettino testa ed animo delle genti, è necessario studiare ed essere allievi di grandi Botteghe, di grandi Artisti. Così il maturo Michelangelo Merisi – il Caravaggio giovanissimo – lascia traccia proprio nel napoletano della sua grandezza. Lo accoglieranno alcuni Grandi dell’epoca, ma è il Battistello Caracciolo – già allievo di Belisario Corenzio – ad esserne maggiormente influenzato. Epoche lontane, certo. Ma ci piace provare a fare questo raffronto per indicare come il caso abbia voluto fare incontrare due persone di epoche diverse, l’una testimone di un grande momento storico di una Italia del boom economico, protagonista assoluto tra i grandi nomi del più grande Partito popolare del dopoguerra: la Democrazia Cristiana. Paolo Cirino Pomicino. Noto per estro, fiuto politico, indubbie capacità di statista. Da qualche anno desideroso di formare giovani che rappresentino la Classe Dirigente del domani. La Bottega dell’Arte del fare Politica. Macron ha pensato di chiuderla (ENA), lui, Pomicino ha cominciato a crearla. Il nostro Caravaggio. L’altro, Marco Esposito, un cognome che non tradisce le origini, abbinato ad un nome molto comune, una professione da Dottore Consulente del Lavoro, allievo, per formazione tecnica in materia di lavoro del prof. Pietro Ichino.